Spy Story

Spy Story

Allianz Stadium di Torino: storia e curiosità

L’Allianz Stadium di Torino, conosciuto anche come Juventus Stadium o semplicemente Stadium, è uno degli stadi più famosi d’Italia insieme allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano conosciuto anche come San Siro o lo Stadio Olimpico di Roma.

Storia, curiosità e planimetria dell’Allianz Stadium

L’Allianz Stadium di Torino è uno degli impanti calcistici della città ed è lo stadio in cui gioca la Juventus, situato nei quartieri Vallette e Lucento. Lo stadio è di proprietà della società Juventus Football Club e dalla stagione 2011-2012 è la sede delle partite interne della prima squadra.

E’ un impianto completamente rinnovato e ricostruito che dà il via ad un nuovo modo di intendere lo stadio di calcio in quanto i suoi servizi, all’interno vi è anche un museo, sono fruibili non solo nei giorni in cui si svolgono le partite, ma tutti i giorni della settimana, dando così vita a un modo di vivere il mondo del calcio in modo completamente diverso rispetto a come si è abituati a viverlo in Italia.

Questa idea di fondo emerge fin da subito anche dalla struttura architettonica dello stadio che ha come obiettivo principale quello di esaltare il gioco del calcio. Non vi sono, infatti, barriere che dividono i tifosi dal campo di gioco, gli spazi sono molto ampi e agli accessi facilmente controllabili permettendo così di garantire la massima sicurezza per gli spettatori.

Le caratteristiche strutturali sono:

  • massima visibilità e vicinanza al campo di gioco tantè che la prima fila dista dalla linea di bordo campo solo 7,5 metri.
  • elevati standard tecnologici e di sicurezza: i percorsi presenti sono molto ampi, l’accesso alle gradinate è regolato da ponti spaziosi e sono garantiti servizi esclusivi anche per le famiglie.

Storia dell’Allianz Stadium

Lo stadio della Juventus è il sesto stadio italiano per capienza di telespettatori, ne contiene 41.507 e sorge nella stessa area in cui sorgeva il vecchio stadio delle Alpi che è stato demolito anche se parte delle strutture sono state riutilizzate nel nuovo progetto. E’ ritenuto uno degli impianti più evoluti a livello mondiale e rientra nella categoria 4 UEFA, in quanto rispetta il criterio di maggior livello tecnico richiesto.

Si tratta poi del primo impianto di proprietà di un club nel nostro paese. Dall’anno della sua inaugurazione fino al 2017 è stato nominato Juventus Stadium, ma a metà di quell’anno ha assunto il nuovo nome commerciale, perl’appunto Allianz Stadium, in quanto i diritti di denominazione sono stati ceduti proprio all’Allianz.

La costruzione del nuovo stadio è stata deliberata dal consiglio di amministrazione della Juventus il 18 marzo 2008 e l’investimento iniziale era stato stimato a cavallo tra i 105 e 120 milioni di euro. Alla fine dei lavori l’investimento è risultato pari a 155 milioni di euro.

I lavori di demolizione del vecchio stadio sono iniziati l’11 novembre 2008, mentre i lavori di costruzione del nuovo stadio sono iniziati ufficialmente il 30 giugno 2009. Il progetto è stato affidato agli stadi GAU e Shesa corordianti dai rinomati architetti Gino Zavanella ed Hernando Suàrez nonché dagli ingegneri Francesco Ossola e Massimo Majowiecki. Lo stadium è stato ufficialmente inaugurato con una emozionante cerimonia d’inaugurazione l’8 settembre 2011.

Planimetria e settori principali

E’ possibile accedere all’impianto tramite quattro ingressi posti sugli angoli grazie ad ampie rampe che portano direttamente all’anello che circoscrive lo stadio. Le panchine delle squadre sono posizionate in prima fila, stile ripreso dagli stadi inglesi. Alle gradinate e alle tribune si accede da ben 16 passerelle distribuite nei settori di riferimento.

I settori dello stadio sono 4, divisi ciascuno in primo e secondo anello:

  • Tribuna Nord: settore dedicato ai tifosi della squadra ospite,
  • Tribuna Sud: settore riservato agli ultrà della Juventus,
  • Tribuna Ovest: si divide in due settori (tribuna ovest latarale e tribuna ovest 2°) è in gran parte riservata allo Juventus Premium Club che dà la possibilità di ingresso nell’area hospitality e di usufruire di altre attrazioni,
  • Tribuna Est: si divide in tribuna est centrale e laterale. Caratterizzata dalla presenza della tribuna Family riservata alle famiglie con bambini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *